Le vacche sacre PDF Stampa E-mail
Le religioni e i riti - I riti

L'India è il Paese con il maggior numero di bovini al mondo, ma la Costituzione di quasi tutti gli Stati regionali ne proibisce la macellazione. Un precetto ecologista ante litteram.

Gli Indù considerano sacri la vacca e il vitello e ritengono che accudire e venerare le vacche porti alla beatitudine. Ma la protezione delle vacche non è stata sempre una caratteristica dell'Induismo: i suoi testi sacri più antichi celebrano i costumi dei Veda, all'interno della cui società, organizzata in caste, quella sacerdotale dei brahmani si occupava della macellazione rituale dei bovini, la cui carne veniva consumata in molte occasioni collegate ad eventi e riti particolari, quali matrimoni, funerali e incontri importanti. Con la crescita della popolazione, in India si ebbe un radicale cambiamento: per nutrire un maggior numero di persone si rese necessario limitare il consumo della carne, ricorrendo in maggior misura ai latticini e soprattutto agli alimenti di origine vegetale, destinando sempre più pascoli alla coltivazione di vegetali commestibili per l'uomo.

Trasformati i pascoli in campi coltivati, i bovini diventarono concorrenti dell'uomo per quanto riguarda le risorse alimentari. Ma il bestiame non poteva essere eliminato del tutto per fare posto all'uomo: gli agricoltori avevano bisogno di buoi per tirare l'aratro sui terreni duri e pesanti della pianura del Gange, il latte e i latticini erano indispensabili, così come lo sterco che è tradizionalmente impiegato come fertilizzante, antiparassitario e combustibile e come tale viene accuratamente raccolto e messo a seccare. Le case nei villaggi vengono tuttora isolate da umidità ed insetti con sterco compattato e poi decorato con farina di riso.

Intorno al 600 a.C. il livello di vita dei contadini peggiorò nettamente, vi furono guerre, siccità e carestie; i sacerdoti continuavano a macellare i bovini e a mangiarne la carne, che non era però più sufficiente per le caste meno privilegiate. In questo contesto, intorno al 500 a.C. nacquero il Buddhismo e il Giainismo, le prime religioni contrarie a qualunque tipo di uccisione. Per nove secoli Buddhismo e Induismo influenzarono, poi opponendosi l'uno all'altro, le abitudini alimentari del popolo indiano. Alla fine prevalse l'Induismo, più vicino alla sensibilità e all'immaginazione popolare, ma solo dopo che i sacerdoti ebbero adottato il principio buddhista e giainista della nonviolenza e si furono presentati come protettori, e non più come macellatori, dei bovini. La carne fu consigliata invece alla casta dei Kshatrya, i guerrieri, che come tali dovevano mantenere alto il livello di forza e aggressività, connesse tradizionalmente al consumo di questo alimento.

Il latte sostituì allora la carne come alimento rituale della casta brahmanica, nonchè come fonte di proteine nobili per tutti. La venerazione della vacca, con connotazioni di affetto filiale nella denominazione di Gau mata, fu elevata a simbolo di tutti i valori tradizionali dalle frange più conservatrici della comunità indù: specialmente nelle campagne, i cinque prodotti vaccini ( latte, cagliata, burro chiarificato, sterco e urina ) elencati nei testi sacri, occupano un posto di rilievo nella vita di molte famiglie e sono impiegati nella maggior parte dei riti religiosi. Krishna e le Gopis, l'adorata manifestazione del dio Vishnu e le sue compagne di giochi, si prendevano cura di bestiame vaccino. Krishna viene infatti spesso indicato col nome di Govinda, il Mandriano, o Colui che rende il bestiame soddisfatto.
Recentemente è stata messa in commercio con successo anche una linea di prodotti che spaziano dall'uso cosmetico a quello medico ayurvedico, a base di tutti e 5 gli elementi vaccini, il cui insieme viene chiamato Panchagavya ed è considerato una sorta di panacea per una moltitudine di affezioni, oltre che un poderoso fertilizzante, ed è stato anche diffuso l'annuncio della produzione di una bevanda destinata, nelle intenzioni, a sbaragliare la concorrenza dei soft drinks occidentali: Gau Jal, a base di purissima urina di vacca

Nelle città i bovini vagano in libertà, macilenti, rachitici e affamati, nutrendosi spesso di spazzatura o dell'unico cibo di origine vegetale che trovano: i manifesti affissi ai muri, ma le grandi metropoli ne prevengono ormai il passaggio e lo stazionamento nelle zone centrali, tollerandoli solo nei dintorni dei templi. Anime pie e organizzazioni religiose fondano luoghi di ricovero per gli animali anziani, malati o semplicemente senza padrone, i Gaushala, dove il bestiame viene accudito e riverito fino alla sua ultima ora. L'empio consumo di carne bovina è sempre più spesso causa di scontro e polemica tra la comunità induista fondamentalista e le comunità musulmane e cristiane, ma le attuali problematiche ambientali globali indicano che la tradizione vegetariana e nonviolenta indiana, adottate ormai da millenni, potrebbero essere una soluzione utile anche per il futuro del mondo intero.

          Un Gaushala nei pressi di Jaipur, Rajasthan.

 

La bistecca fa male alla Terra

"Mangiare meno carne per salvare la terra"

Pink Revolution, l'India in macelleria. La carne di bufalo d'acqua rende l'India il maggior esportatore al mondo di carne bovina

Il Fondamentalismo Vegetariano

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!