Imbarazzo della Chiesa in Kerala PDF Stampa E-mail
L'attualità - Interni e cronaca
Venerdì 20 Febbraio 2009 21:51

Un libro appena uscito imbarazza la Chiesa cattolica del Kerala: Amen-An Autobiography of a Nun è l'autobiografia di Sister Jasme, che dall'Agosto scorso ha abbandonato la sua congregazione.

Parla di abusi sessuali, di molestie, Suor Jasme, 52 anni, di sacerdoti e di altre consorelle, di episodi subìti da lei e da altre durante i suoi anni in convento: una trentina d'anni. Anni che l'avevano condotta fino a ricoprire la carica di direttrice del Collegio St. Mary di Thrissur, in Kerala.

"Le donne molestate sessualmente denunciano gli abusi subiti, forse? Una su mille lo fa. Immaginatevi le suore! Non parleranno mai. Temono di mettere in pericolo la loro appartenenza alla congregazione, il fatto stesso di essere suora" spiega Suor Jasme. La sua autobiografia ha dovuto attendere il suo pensionamento dalla carica di direttrice dell'istituto - al quale è seguito l'abbandono della sua congregazione - per essere scritta. Ma anche allora, racconta Sister Jasme, ha subito pressioni e offerte in denaro affinchè rinunciasse a pubblicare il libro.

"Una sorella mi disse che si sarebbe messa in un angolo della cappella a recitare il Rosario fino a quando anche l'ultima pagina del mio libro non fosse bruciata, cosicchè nessuno avrebbe mai potuto leggerlo. Le risposi Fai pure! Vedremo quali preghiere  ascolterà Dio " ricorda Jasme.

La prima edizione del libro è stata venduta in un mese e anche la seconda sta andando a ruba; i lettori hanno evidentemente ritrovato tra le sue pagine echi di attualità, come quello del caso di Suor Abhaya, 19 anni, assassinata nel 1992 perchè si ribellò a pratiche sessuali nel convento San Pio X° di Kottayam - arrestati due sacerdoti e una suora - o quello di Suor Anupama Mary che si suicidò, pare, per l'impossibilità di sopportare oltre le molestie subite da una consorella più anziana. 

" Ho solo aperto una finestra: e attraverso quella finestra qualcuno vedrà che c'è dello sporco all'interno dei conventi, magari anche solo in un angolo; ma se quella sporcizia verrà poi rimossa, allora ne sarà valsa la pena." dice Suor Jasme.

Non ci sono state fino ad ora reazioni ufficiali da parte della Chiesa cattolica locale al libro, che è stato liquidato come contenente solo trivialità scritte da una malata di mente, ma nel frattempo Sister Jasme cerca un editore in lingua inglese, così come nelle altre lingue indiane.

Il Central Bureau of Investigation, che aveva condotto le indagini sul caso della suora assassinata, ha invece preso sul serio l'autobiografia, così come ha fatto la Commissione per le pari Opportunità del Kerala.

" Stiamo studiando la questione e l'approfondiremo molto attentamente" ha dichiarato la presidente della Commissione.

Le molte Chiese cristiane presenti in India giocano ultimamente, come noto, una difficile e tragica partita, che diviene però anche diplomatica per quella cattolica in Kerala: terra di antichissima e molto consolidata fede cristiana di rito siro-malabarico, ( scissasi nei secoli tra rito siro-malabar e siro-malankar ) il meridione indiano è, nel frattempo, divenuto uno degli ultimi e principali bacini di vocazione nel mondo di suore e sacerdoti cattolici. La stessa beatificazione della locale Suor Alphonsa, prima Santa indiana della storia, era stata acidamente commentata su alcuni quotidiani nazionali come del tutto immotivata e strumentale, un'operazione studiata a freddo e volta esclusivamente, in sostanza, ad attirare consenso e spirito emulativo tra i giovani del Kerala attraverso, si diceva, l'altrimenti del tutto insignificante figura di Alphonsa.

 

  

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!