New York in coda per Amjad Ali Khan PDF Stampa E-mail
L'Arte, la storia e la cultura - Musica

«Il raga nasce dalla fusione di amore e musica - spiega Amjad - Quando si suona qualsiasi tipo di musica, classica o popolare, antica o contemporanea, quello che conta è il cuore».

 

di Fiamma Arditi

Studenti, donne in sari, uomini con barbe sale e pepe, schiene dritte, curve, giacche slabbrate, visi bruni, sorrisi contagiosi: un pubblico variopinto ed energetico si affolla alle otto di sera davanti al Miller Theater della Columbia University. Broadway e sedicesima strada. In programma il concerto di Amjad Ali Khan, il grande maestro di Sarod e di ragas, la musica tradizionale del sud dell’Asia. Arriva da ottomila chilometri di distanza e risale a tremila anni fa. In India il maestro Khan è un mito, il Dalai Lama è uno dei suoi estimatori («quando Amjad suona trasmette una profonda umanità»), in Europa e Stati Uniti lo invitano continuamente, tant’è vero che a fine maggio da New Delhi tornerà in tournée a Chicago, Nashville, San Francisco insieme ai figli Amaan di trentadue anni e Ajaan di trenta, musicisti fin da piccolissimi anche loro. «Per me ci sono solo due tipi di musica - racconta il maestro nel camerino subito prima del concerto, - una è suono puro, l’altra è basata sulla letteratura, il testo, la storia. Si dice che la lingua crei le barriere. Bene, il suono puro non può separare, né fare male a nessuno». Questo suono allo stato originale, secondo il musicista indiano va al di là di qualsiasi definizione.

 

Continua su La Stampa.

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!