Baoli e Vav: i pozzi a gradini PDF Stampa E-mail
L'Arte, la storia e la cultura - Arte e architettura

Vengono chiamati Baoli, Baori, Kund o Vav, a seconda della regione e in Inglese Stepwell. Sono i magnifici pozzi e cisterne dell'India occidentale, che per secoli hanno garantito l'approvvigionamento idrico e la sopravvivenza a queste regioni secche.

Nel Gujarat sud-occidentale, tra il VI e il VII secolo d.C. si cominciarono a scavare giganteschi pozzi per raggiungere la falda acquifera e garantirne così l'accesso alla popolazione durante tutto l'anno, in una regione dove i violenti ma brevi allagamenti monsonici si alternano da sempre con lunghissimi mesi di totale siccità. Costruendo dal basso verso l'alto, le pareti dei pozzi vennero lastricate con enormi blocchi di pietra e i versanti muniti di scalinate. Furono probabilmente questi i primi pozzi a gradini costruiti nell'India Occidentale.

Raniji ki baori, BundiL'idea si rivelò molto pratica e presto si diffuse in tutta la regione fino all'attuale Rajasthan, dando origine a migliaia di pozzi e serbatoi analoghi e punteggiando così la zona con deliziosi edifici pubblici fino al XVIII secolo, quando il Raj britannico soppiantò il loro uso per ovvie questioni igieniche con l'installazione di acquedotti, tubature e rubinetti, sancendone la progressiva decadenza e poi l'abbandono. Le straordinarie geometrie delle scalinate nei bacini e i padiglioni, le decorazioni con cui vennero attorniati o ricoperti i pozzi - oggi spesso abbandonati e purtroppo a volte ridotti persino a latrine o immondezzaio - costituiscono una particolarissima forma di architettura unica di questa zona, che solo recentemente le autorità locali competenti stanno riscoprendo e valorizzando, tanto dal punto di vista turistico quanto da quello funzionale.

I pozzi a gradini del Gujarat penetrano la falda acquifera e si riempiono per trasudamento; il livello dell'acqua al loro interno dipende dunque dalle precipitazioni o le siccità della regione e quando questo è alto, come dopo il monsone, sarà sufficiente scendere pochi gradini per abbeverarsi. In periodi di siccità bisognerà scendere invece fino a profondità pari anche a nove piani, dove l'ultima rampa di scale scompare nell'acqua limpida. Ogni piano può essere attrezzato con padiglioni colonnati, dove ci si può fermare a godere il fresco. Quelli del Rajasthan, invece, sfruttano spesso esclusivamente le piogge monsoniche, catturate nello scavo dove viene filtrata dal finissimo limo - gran parte del terreno della regione è di origine alluvionale - fino a raggiungere il fondo ricoperto di argilla, per essere poi disponibile nella stagione secca. Durante le ore più calde, anche gli uomini riposavano volentieri ciarlando nei padiglioni ai vari piani dei pozzi, ma poiché in India l'acqua è profondamente associata al genere femminile, questi luoghi sono da sempre principalmente territorio delle donne. 

I pozzi a gradini non avevano infatti solo una funzione pratica: si trattava anche di un luogo di ritrovo a loro specialmente riservato, giacché a loro è quasi sempre affidato l'approvvigionamento d'acqua per la casa e la famiglia. Recarsi alla fonte è spesso ancora oggi nei villaggi l'unica attività indipendente concessa alle ragazze, e nella frescura dei pozzi le giovani potevano intrattenersi a ridere, giocare, chiacchierare con altre donne, come loro altrimenti isolate dalla stretta cultura patriarcale locale. E poi vi era come sempre il lato religioso: in ogni pozzo o serbatoio d'acqua naturalmente vive Devi, la dea madre, alla quale chiedere conforto e grazie bagnandosi nelle sue acque o invocando il suo nome.

Non sorprende dunque che in quasi tutti i pozzi e serbatoi si trovi a tutt'oggi un piccolo santuario a lei dedicato, adornato con ghirlande di fiori, onorato con offerte, incensi e lucerne. Il termine Mata, madre, compare all'incirca in un terzo dei nomi dei pozzi della regione: Mata Bhavani, Matri Mata, Bhadrakali Mata etc. Tra i più belli e in migliori condizioni si possono menzionare in Gujarat l'Adalaj ni Vav, a 18 km da Ahmedabad, l'Ankol Mata di Davad e soprattutto il Rani Ki Vav di Patan - dal Giugno 2014 Patrimonio Mondiale dell'Umanità sancito dall'UNESCO - ma anche il Chand Baori ad Abhaneri, nei pressi di Jaipur in Rajasthan, quello presso il tempio Shiv Vadi di Bikaner o il Sabirna dha ka Kund e il Raniji ki Baori, entrambi a Bundi.

 

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!