Il Ponte di Rama PDF Stampa E-mail
Il Territorio - Geografia e climi

Una catena di rocce collega l'India con Sri Lanka, secondo i geologi; ma per gli Indù si tratta dei resti del Ponte di Rama, come narrato nel Ramayana, costruito per permettere al dio di raggiungere la moglie Sita, tenuta prigioniera nell'isola.

 

Il Ponte di Rama da satellite

Lo Stretto di Palk separa la costa dello Stato indiano del Tamil Nadu dall'isola di Sri Lanka e connette la Baia del Bengala a nordest con il Golfo di Mannar a sud. Al suo estremo meridionale, lo Stretto di Palk è punteggiato da una catena di basse isole rocciose e trami di barriera corallina che complessivamente vengono chiamati Ponte di Rama o, da tempi del Raj britannico, Adam's bridge, Ponte di Adamo.

Il Ponte di Rama si estende tra Dhanushkodi, sull'isola indiana di Rameswaram, e Talaimannar, sull'isola cingalese di Mannar. L'isola di Rameswaram è collegata alla terra ferma indiana dal Ponte di Pamban, il più lungo ponte ferroviario dell'India: 2,3 Km.

Sin dalla seconda metà del 1800, vennero individuati i considerevoli vantaggi commerciali e strategici che sarebbero scaturiti dal poter navigare attraverso lo Stretto di Palk, circumnavigando direttamente così l'India, senza dover costeggiare l'isola di Sri Lanka con un risparmio di 350 miglia marittime, circa 30 ore di navigazione. Le acque dello stretto di Palk sono infatti a tratti molto basse e ostruite a sud, appunto, dal Ponte di Rama. Si cominciò già allora a parlare del canale di Setu Samudram, un canale navigabile lungo 83 Km che attraversasse lo Stretto. Tuttavia solo recentemente, dopo circa 150 anni, il faraonico progetto si sta concretizzando.

Ma il canale è fortemente avversato dagli ambientalisti e, soprattutto, da gruppi religiosi che nel Ponte di Rama vedono l'antichissima traccia delle imprese del divino Rama, narrate nella celebre epica Ramayana. Secondo gli oppositori al progetto, le foto satellitari recentemente fornite dalla Nasa rivelerebbero una curvatura e una disposizione delle rocce che possono solo spiegarsi con l'intervento umano e che queste rocce costituirono un passaggio transitabile a piedi fino al XVsecolo, quando un ciclone mutò le profondità marine sommergendo il Ponte.

Secondo il Ramayana, il Ponte venne costruito su richiesta di Rama dai suoi alleati, e venne sostenuto da rocce sabbiose che in seguito gli dei avrebbero ancorato al fondo marino, dando origine all'attuale catena. Il Ponte servì a Rama per raggiungere Sri Lanka e liberare la moglie Sita, lì tenuta prigioniera dal re demone Ravana, che dominava l'isola. Vari studi sono stati compiuti sull'età geologica del Ponte di Rama che pare non poter essersi formato prima di 3500 anni fa e che indicano che la sua formazione si dovuta, pare, all'effetto barriera causato dai coralli per la sabbia portata dalle correnti. Troppo presto e troppo semplice per il Ramayana.

I lavori per il canale di Setu Samudram sono stati inaugurati il 2 Luglio del 2005, riservando particolare attenzione affinchè il patrimonio naturalistico della barriera corallina o quello storico-religioso, a seconda dei punti di vista, venga preservato.

 

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!