Oltre il sari PDF Stampa E-mail
Gli Indiani - Usi e costumi

Punjab dress, salwar kameez o churidar kurta. Questi i nomi di una pratica alternativa al sari in India. Con la stessa eleganza e vestibilità.

Salwar kameez, versione glamourMolte donne indiane, specialmente di religione islamica o sikh e le nuove generazioni, trovano più pratico indossare al posto del sari, per le attività di tutti i giorni, quello che originariamente era l'abito classico della regione del Punjab e dell'Afghanistan, di  origine indo-iranica, la Salwar Kameez.

La Kameez o Kurta è un abito a camice che, svasato o di linea retta con spacchi laterali, copre fino al ginocchio e che si indossa sopra dei salwar o churidar. I Salwar sono dei pantaloni molto ampi con chiusura in vita a coulisse, che si fanno più aderenti dal ginocchio alla caviglia. L'ampiezza del giro-vita e il sistema di chiusura permettono l'adattamento a qualunque taglia ci si trovi a indossare nel tempo. I Churidar sono invece più simili a quelli che chiameremmo pantaloni alla turca, che terminano con un bordo ornato e stretto alla caviglia.

Non è pensabile, per una comune donna indiana di cultura tradizionale, indossare l'abito solo, senza i corrispondenti e sottostanti pantaloni. L'insieme è generalmente completato da un Dupatta, una stola che facilmente richiama la fantasia dei pantaloni o del bordo della Kameez e che si indossa di solito frontalmente, a coprire la parte superiore del torace o il collo, lasciando che le due estremità della pezza pendano liberamente all'indietro sulla schiena. Ma è anche un valido sostituto dello chador islamico, di uno scialle, o per mantenere l'usanza anche indù del Purdah, di coprirsi cioè il volto in presenza di estranei; è utile anche per coprirsi il capo, come precetto indù imporrebbe, nei templi o al cospetto degli anziani. 

Oggi i modelli si stanno adattando alle richieste più occidentalizzate e si trovano Kameez ridottissime, in pratica delle camicette svasate, oppure dal taglio aderente. I Salwar possono essere ormai dei pantaloni dalle mille fogge, ma si tratta naturalmente di capi che solo le donne più emancipate o benestanti oserebbero indossare. Per la stragrande maggioranza delle donne indiane il modello classico, già un'innovazione per molte, rimane l'alternativa più gradita al sari.

La maggioranza degli uomini indiani musulmani indossa quotidianamente l'equivalente  indumento, chiamato semplicemente Kurta Pajama. Da questo deriva il nostro comodo abbigliamento notturno: il pigiama, appunto.

 

 

 

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!