Quel treno per il Pakistan PDF Stampa E-mail

Protagonista del romanzo è l'India con la sua saggezza e la sua follia, il suo fascino e la sua ferocia. Un romanzo che parlando di ieri ci aiuta a capire molto dell'India di oggi, delle sue tensioni e della sua speranza di riscatto. Che si realizza nell'ultima pagina per l'ultimo treno: in un commovente, indimenticabile finale.

 

 

E' l'estate del 1947. In questa "stanza sovraffollata" di milioni di uomini, di tensioni e di lotte, in un piccolo villaggio, nel Punjab, musulmani e sikh vivono pacificamente insieme, il tempo scandito dal passaggio del treno sul ponte che attraversa il fiume. Fino al giorno in cui il treno arriva carico di cadaveri. Sono i sikh morti nella "partition", la divisione tra India e Pakistan. E il villaggio è intrappolato nella violenza e nello spargimento di sangue, tutti i personaggi costretti ad agire e confrontarsi con la loro identità etnica e religiosa. Nel finale, in un crescendo angosciante dell'ondata di violenza, si aspetta un treno maledetto, carico sul tetto di centinaia di musulmani a cui una corda tesa sul fiume taglierà le teste...

 

valutazione4

 

Khushwant Singh

Quel treno per il Pakistan

Ed: Marsilio, 2002

Pgg. 208

Euro. 6.50

 
Guida India feed

Cerca su GuidaIndia

Mappa interattiva

Free template 'Colorfall' by [ Anch ] Gorsk.net Studio. Please, don't remove this hidden copyleft!